Scorpion, una serie televisiva ispirata alla storia vera del nerd Walter O’Brien. In arrivo anche in Italia la seconda stagione

Guardo a television, so’ tutt’ ugual
sti programm aro’ se chiagne, pur se mor’ a zanzara
na’ città che sta incazzat, ch’ha chiappat mazzat
o’sang e San Gennaro a stu gir’ s’è ghiacciat! (Mamm’ e che fridd!!!) (Clementino – Cos Cos Cos)

Scorpion O'Brien Vero
Walter O’Brien nella realtà

Scorpion è una serie tv prodotta dalla CBS su un’idea di Nick Santora e si ispira alla storia vera di Walter O’Brien che, curiosamente, ne è anche produttore. E’ già questa cosa da un po’ il senso del prodotto; raccontare una storia ispirata facendola pagare dalla musa.

Scorpion è la classica serie tv americana, dove una squadra di consulenti con il potere di un quoziente intellettivo superiore alla media, mette a disposizione le proprie capacità per risolvere questioni di sicurezza nazionale con più abilità delle forze militari sul campo.

Elyes_Gabel O'Brien Fasano
Elyes Gabel che è O’Brien nella serie

Il meccanismo funziona ed è rodatissimo, ma in taluni casi in questa produzione da un po’ fastidio. Il protagonista, appunto Walter O’Brien, interpretato da un antipaticissimo Elyes Gabel, infatti, oltre a ripetere troppo spesso di avere un QI superiore a quello di Einstein è raccontato al limite dell’eroismo e della umana capacità di scontrarsi con la paura.

Elementi che accomunano molte serie tv di consulenti della polizia, per carità, ma che in una serie che racconta una storia vera cozza un po’ con l’effetto credibilità del personaggio stesso. Insomma si ha sempre la sensazione che si stia guardando un documentario dove Superman è esistito sul serio, è davanti a voi e ve lo fa pure pesare di essere un supereroe.

scorpion-galtIn sostanza in questa serie si fa fatica ad entrare in empatia col protagonista principale e la cosa è assai strana. A differenza invece del resto della squadra Scoprion che riesce a provocare nel telespettatore tutte quelle emozioni che ti rendono piacevole la visione del programma.

Devo dire la verità, questa cosa rompe un po’ i coglioni nel corso delle 22 puntate. Comunque sono andato fino in fondo ed ho appena finito la prima stagione. La prossima è stata già prodotta e in Italia andrà in onda a partire dal 14 settembre su Rai4.

In definitiva è una serie eccessivamente buonista però piacevole. Al netto di quello che dicevo prima, si può guardare in famiglia, in prima serata, come se fosse un Don Matteo che al posto delle vecchie campagnole, nelle sue avventure, si fa accompagnare da nerd.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *