Diario S4 G9. Lo sputtanamento

Diario S4 G9. Lo sputtanamento

Lo sputtanamento è l’arma di distruzione di massa della morale di uomo per eccellenza. Ma siamo certi che siano ancora quei tempi?

E lo sputtanamento olé,
E lo sputtanamento che cos’è
Forse è voglia d’imparare
Abbracciare e non toccare
Ma è già largo il pantalone
E robusto il pendolone
Dico che è maleducato
Quel che l’hanno già sgonfiato
Olé olé
Olé olé.
(Cochi e Renato – Lo sputtanamento)

sputtanamentoGuardare il buco, nel buco e mai oltre il buco. L’italia è piena di storie di sputtanamento, di carriere e dignità macchiate da storie da quattro amici al bar. Nel 1978 ci avevano scritto una canzone Cochi e Renato; “E robusto il pendolone”, è una frase che ogni quotidiano dovrebbe imprimere all’ingresso della propria sede.

Insomma, la storia dell’amore ferito per sottolineare un fatto, criminale o cos’altro sia, non regge più dai tempi di Cleopatra. Ci sono passati tutti e tutte. Il giornalismo invece, pare l’abbia ancora come mantra professionale.

Lo sanno tutti che il primo attacco da sferrare alla serenità dell’uomo è la sfera sessuale, qualsiasi orientamento abbia. Ne hanno giovato per due millenni la chiesa, la mafia, la politica e persino il cinema.

La scopata con l’amante è alla base dell’intera filmografia mondiale. E’ quasi una tradizione da regolamentare con un disciplinare. Siamo il paese dei vitelloni all’italiana, dei pecorecci e dei vizi privati.

Siamo sempre sul pezzo, anzi sul pizzo, quello intimo, non l’altro, quello non importa a nessuno.

Veramente dai, non vi è seccato usare argomenti extraconiugali per colpire qualcuno?

Lo potevo capire in un’Italia bigotta che paragonava l’integrità morale dell’uomo alla sua condotta sentimentale. Ma adesso, ancora, siamo in quell’epoca?

Arbitro cornuto è un insulto che non viene usato più neppure negli stadi. Eppure, c’è questa abitudine insulsa di spiattellare il privato per compilare il curriculum morale di un uomo.

Possa anche rubare, ma mai e dico mai scopare!

Condividi: