Diario S3 G18. A mia insaputa poi

Diario S3 G18. A mia insaputa poi

A mia insaputa, in un mondo sempre più “incosapevole”, ecco che riassunsi la mia vita…

Napule è mille culure,
Napule è mille paure
Napule è a voce de’ criature
che saglie chiane chiane
E tu sai ca nun si sule
Napule è nu sole amaro
Napule è addore ‘e mare… (Pino Daniele – Napule è)

a mia insaputaQuesta piccola poesia la dedico a tutte le vittime degli eventi, a quelli che li vivono involontariamente ma anche a quelli che lo fanno consapevolmente.

A mia insaputa poi

A mia insaputa due genitori scelsero di concepirmi,
poi nacqui un giovedì di Febbraio.
A mia insaputa scelsero per me una religione,
poi mi battezzarono.
A mia insaputa mi vestirono da zorro,
poi da Principe Azzurro e da Turandot,
poi per fortuna non si trovarono più vestiti per la mia taglia.
A mia insaputa mi fecero credere in Babbo Natale,
poi però realizzai la truffa.
A mia insaputa mi diedero istruzione e conoscenza,
poi faticosamente ottenni un trasferimento.
A mia insaputa mi fecero frequentare scuole ed amicizie,
poi scelsi le mie.
A mia insaputa capii di essere innamorato di una donna che non mi filava,
poi lei si dichiarò per me.
A mia insaputa scelse giorno e chiesa,
poi ci sposammo e pagammo.
A mia insaputa mi farà diventare padre,
prima o poi mi ci abituerò.
Oggi ho 60 anni e ancora qualcosa accadrà,
per esempio, a mia insaputa un giorno morirò.
Prima o poi però.

Condividi: