Diario S2 Giorno 7. Quando un artista se ne va

Diario S2 Giorno 7. Quando un artista se ne va

Ma che puzza dinto a ‘stu vico
Comme fa’ ‘a gente a campà’
Cu ‘sta puzza sotto ‘o naso
Ca nun se po’ cchiù suppurtà’
Mo’ chiamammo a quaccheduno;
ccà quaccosa s’adda fa’
Simmo sciemë o poco buonë
Forze è chesta ‘a verità
E s’è rotta ‘a sajettera
‘A gente scrive ‘e nummarielle
Ma qua’ nummere e ‘a culonna
Ce vo’ l’aiuto d’à Maronna
Chi ce ‘o dice a S. Gennaro
Ma ‘a fernimmo cu’ ‘sta storia
Ccà scarzeano ‘e denare e s’adda campà’
E’ passata ‘a prucessione
Pure chesta è tradizione
Se ne cadeno ‘e palazze
e a nuje ce abbrucia ‘o mazzo
‘A città è cchiù pulita
ma ognuno mette ‘o dito
E nce vo’ mangnà’
Ma nun dà retta, ce sta chi ce penza
‘Mmiezo a ‘sta gente ce sta chi ce penza
E l’America è arrivata
Nce ha purtato tanti cose
So’ tant’anne e tanta storia
E nun se ne và
S’è pigliato ‘e meglio posti’e
chesta città
Mentre nuje jettammo ‘o sang’
Dinto ‘e quartieri ‘a Sanità (Pino Daniele – Ce sta chi ce penza)

Quando un artista se ne va -Pino DanieleDi solito non lo faccio.

Se siete soliti leggermi, saprete già che è mia consuetudine aprire i post citando un artista ed una sua canzone. Pino Daniele però non può essere soltanto citato. Specialmente oggi che l’abbiamo perso.

Non è altresì mia abitudine scrivere commiati, anzi proprio qualche giorno fa avevo pubblicato un pezzo sul “peso della morte” che va in controtendenza a questo. Non riesco tuttavia a stare indifferente alla perdita di uno dei miei artisti preferiti.

“Ce sta chi ce penza” è solo uno dei tantissimi capolavori dell’artista napoletano ed ha un valore simbolico per tutti noi che in questo meridione ci siamo nati, cresciuti e continuiamo a “lottare”.

La musica nella vita di ognuno assume un significato personale ed intimo e Pino nella mia c’è sempre stato. Potrei stare qui a citare pezzi su pezzi, ma usciremmo dall’intimità del ricordo.

Questa notte non ho chiuso occhio nell’attesa di leggere la smentita, avevo sperato, come tanti social frequentatori notturni, nell’ennesima bufala a danno di un “vip”. Invece, col passare dei minuti, è arrivata la conferma.

Dopo la morte di Mango nessuno poteva aspettarsi la scomparsa di un altro Pino. Evidentemente però quando muore un artista gli viene concessa la chance di chiamarsi un collega per compagnia.

Senza Daniele l’Italia sarà un paese diverso, più povero di magia.

Condividi: